Per fare un albero

 

perfareunalberoc

Sabato 19 dicembre 2015 ore 16.30! Evento organizzato a più mani per iniziare i festeggiamenti di questo Natale 2015: Presentazione del libro di Alfredo Stoppa “Caterina Controvento”, ottima idea per un regalo di Natale e laboratorio creativo durante il quale creeremo gli addobbi dell’albero del Plus+

perfareunalbero

Programma:
Ore 16.30 Accoglienza dei bambini e genitori e visita degli spazi del Plus+ e del Centro Educativo Montessoriano Pratichiamo il Futuro

Ore 17.00:
Presentazione del libro di Alfredo Stoppa “Caterina Controvento” per ragazzi dai 10 ai 14 anni e famiglie

Il Natale si avvicina e la lista dei regali diventa ogni giorno di più lunga. Perché non invitare i ragazzi a prendere in considerazione una lettura interessante, ambientata nel nostro territorio, scritta da un Autore di fama internazionale e a noi vicino? Allora ecco che nell’ambito dell’iniziativa “Per fare un albero” abbiamo pensato anche ad un momento dedicato ai più grandi con la presentazione del libro “Caterina Controvento” di Alfredo Stoppa. Questo libro è inserito nella nascente collana Ediciclo “Driiin!” pensata per bambini e ragazzi che declina i valori della casa editrice (amore per la bicicletta, per l’ecologia, per l’andare piano) attraverso storie avvincenti e splendidamente illustrate. Driiin! 6-8 È lo scaffale per i bambini: libri con poco testo e molte illustrazioni, per invitare alla lettura e a muovere i primi passi nel mondo a piedi o in bicicletta. Driiin!11-13 È lo scaffale per i ragazzi: testi brevi, agili ma dai contenuti alti, con un formato e un prezzo accattivanti. La collana è diretta da Alfredo Stoppa, autore di oltre 30 libri e albi per bambini e ragazzi in Italia e all’estero, vincitore di prestigiosi premi e riconoscimenti, ex editore di C’era una volta, libraio e docente di corsi e laboratori sul mondo della letteratura dell’infanzia.

“Caterina Controvento” di Alfredo Stoppa
Un libro che fa riflettere, con delicatezza e profondità, attraverso gli occhi di una ragazzina, sulle atrocità della guerra, ambientato nel nostro territorio.

Caterina ha undici anni abbondanti, due fratelli rumorosi, una mamma che manda avanti il podere e un papà al fronte, arruolato nell’esercito di un Re. Vive non lontano dal grande fiume, dove la terra e l’acqua si danno la mano e dove sta per concludersi una grande guerra, grazie a un’ultima decisiva e dolorosa battaglia. Sì, proprio là dove le acque del Piave corrono placide e mormorano antiche storie passa i suoi giorni Caterina. Lei non lo sa, è solo una ragazzina con la testa piena di mirabolanti idee e gravi pensieri, ma mancano solo sette giorni alla tanto sospirata vittoria. I giorni di Caterina sono scanditi da tanti e diversi momenti: i giochi con i fratelli, le ore sofferte a scuola, i mille lavori per dare una mano alla mamma, i ricordi, improvvisi e dolci, del papà in guerra, l’incontro con un bizzarro e misterioso personaggio, il marciare di soldati stanchi e cupi lungo il suo paese. La guerra dura da troppo, scombina la vita delle persone, incombe minacciosa. La ragazzina nutre un grande sogno che l’accompagna da quando era piccola, possedere una bicicletta, tutta sua, per balzarci in sella, pedalare lungo le strade, lanciarla, folle, sotto il sole e sotto la pioggia, ovunque. La cosa magnifica, irraggiungibile e azzurra se ne sta là in un villa, dentro un giardino da fiaba, chiusa in un parco. Nessuno la usa, nessuno l’accompagna, nessuno la trascina all’avventura. Una tentazione troppo forte per fermare una tipa come lei, una vera autentica bastian contraria, tenace e tenera, una che sfiderebbe senza paura perfino la forza del vento. A colpi di pedale, in salita. Già… il suo nome, vero e intero, è da sempre: Caterina Controvento!

Ore 17.00:
Laboratorio “Per fare un albero” per bambini dai 2 anni in su

Attraverso i laboratori creativi si vuole ridare vita a materiale che altrimenti andrebbe buttato. L’obiettivo è quello di trasmettere ai bambini la semplicità delle cose, il potere della creatività e della fantasia.
Nell’ambito di “Per fare un albero” ai bambini verranno forniti molteplici materiali con i quali potranno liberamente creare le proprie “palline di Natale”. Avranno a disposizione diversi tipi di tappi di sughero, diversi colori e pennelli, colle, carta, forbici e altro materiale naturale (conchiglie, semi, ciottoli…). Non ci sono regole, esempi da imitare o riprodurre, ma ciascuno sarà libero di fare ciò che in quel momento cuore e mente suggeriscono, in linea con il concetto del “saper fare” e “saper creare” propri del Plus+ e del metodo Montessori. I genitori saranno invitati ad aiutare i propri figli ma non a sostituirsi a loro. Dovranno semplicemente essere le braccia e le mani quando l’idea del bambino richiede l’utilizzo di materiale per il quale lui non è pronto (colla a caldo o forbici per esempio).
Infine è richiesto il dono della propria creazione: aver contribuito con la propria azione alla creazione di un progetto comune che ha reso speciale un semplice albero di Natale trasmettendo così il concetto di lavoro di squadra e della bellezza del donare la propria arte.

Ore 18.30
Accensione dell’albero di Natale e brindisi augurale
Tutti insieme infine potremmo gioire davanti all’accensione dell’Albero che verrà fatta in modo solenne e celebrativo in modo da dare valore al lavoro svolto dai bambini. A conclusione della giornata saranno tutti invitati a fare un brindisi augurale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *